Termine decennale per rinunciare all'eredità





Buongiorno, Mio nonno è deceduto 13 anni fa nel 2001, mio padre suo figlio nel 1999.mia nonna è ancora viva. I loro figli sono 7 (due tra cui mio padre deceduti da anni). Alla morte di mio nonno mia nonna ha riscosso la parte di mio nonno poiché era la moglie. Oggi vengo a sapere che ai figli rimasti è arrivata una notifica di un pagamento dall' agenzia dell'entrate e nel doc si evince anche il mio nome e quello di mio fratello come eredi da parte di mio padre.ma noi due ne veniamo a conoscenza oggi di questa parte ereditata. Nessuno ci ha chiamato e non abbiamo mai firmato niente. Volevo rinunciare all' eredità di parte che mi spetta ma ormai sono passati 13 anni e mi dicono che non è più possibile farla.ma allora come posso tutelarmi io e mio figlio da questa famiglia da cui potrei ereditare solo debiti? Grazie

 

RISPOSTA



Secondo l’art. 480 del codice civile, il diritto di accettare - e quindi di rinunciare - l'eredità si prescrive (cioè può essere esercitato) in dieci anni dal giorno della morte del defunto. Cos'è la rinuncia all’eredità? E’ un atto con il quale il chiamato (l’erede) dichiara di non volere acquistare l’eredità, ad esempio perché i debiti del defunto sono superiori ai crediti; in questo modo egli fa cessare gli effetti verificatisi nei suoi confronti a seguito dell'apertura della successione e rimane, pertanto, completamente estraneo alla stessa, con la conseguenza, tra l’altro, che nessun creditore potrà rivolgersi a lui per il pagamento dei debiti ereditari.

Come si rinuncia all’eredità? La rinuncia all'eredità va fatta con una dichiarazione:

1.Ricevuta da un Notaio oppure
2.Ricevuta dal Cancelliere del Tribunale del circondario in cui si è aperta la successione (Cancelleria della Volontaria Giurisdizione). La dichiarazione deve essere inserita nel Registro delle successioni conservato nello stesso Tribunale.


Premesso che non puoi più rinunciare all'eredità di tuo nonno e di tuo padre, sono a chiederti: hai accettato in modo tacito l'eredità di tuo nonno o di tuo padre?
Un esempio di accettazione tacita dell’eredità? Sei entrata in possesso in questi anni dei beni di tuo nonno o di tuo padre? Ad esempio sei entrata in possesso di un immobile che era di tuo padre? Oppure hai partecipato alla divisione di denaro presente sul conto corrente di tuo padre al momento della sua morte?
Se non hai accettato nemmeno tacitamente l'eredità di tuo nonno o di tuo padre, il tuo silenzio ultradecennale, equivale di fatto a rinuncia all'eredità, visto che attualmente non potresti più nemmeno accettarla.

A disposizione per esaminare il documento inviato dall'agenzia delle entrate. Consiglio di rispondere all'agenzia delle entrate, dichiarando di non avere accettato nei termini l'eredità, quindi di avere nei fatti rinunciato alla qualifica di erede di tuo padre.

Cordiali saluti.

Fonti: