Riserva di posti per il servizio civile universale non vale per il servizio civile nazionale





Si tratta della riserva del 15% delle assunzioni anche a tempo determinato per chi ha svolto il servizio civile universale.
Il decreto-legge 22 aprile 2023, n. 44, convertito in legge 21 giugno 2023, n. 74, recante: «Disposizioni urgenti per il rafforzamento della capacità amministrativa delle amministrazioni pubbliche.» specifica all'articolo 1, comma 9-bis, la riserva del 15% nelle assunzioni di personale non dirigenziale, destinata agli ex volontari del Servizio Civile.
A partire dal 22 Giugno 2023, data di entrata in vigore del Decreto PA trasformato in Legge, i bandi di concorso dovranno necessariamente includere la riserva di posti per gli ex volontari del Servizio Civile. Rientra nella fattispecie anche il personale della scuola quindi si procederà all'applicazione di questa riserva anche nelle prossime GPS.
La questione è questa: Perché concedere la riserva al servizio civile universale istituito nel 2017 con un semplice cambio di denominazione rispetto a quello nazionale, discriminando attraverso una disparità di trattamento chi ha conseguito il servizio civile nazionale dal 2006 al 2017 quando tale servizio ha tutte le caratteristiche del servizio civile universale ma cambia solo la denominazione cioè nazionale??
Per capire meglio bisogna fare un pò di storia della normativa:
1) Il Servizio Civile Nazionale, istituito con la legge 6 marzo 2001 n ° 64 ed è alternativo al servizio militare come obiezione di coscienza;
2) Dal 2005 con il Decreto Legge30 giugno 2005, n°115 cala definitivamente il sipario sulla lunga ed accesa vicenda della obiezione di coscienza, consentendo agli obiettori in servizio, la possibilità di concludere la propria esperienza di Servizio Civile obbligatorio al 1° luglio 2005 anticipando la naturale scadenza prevista ad ottobre 2005. Il servizio civile diventa su base volontaria.
3) 2016 La legge delega – Viene pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 141 del 18 giugno 2016 l'articolo 8 della legge 6 giugno 2016, n. 106: Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell'impresa sociale e per la disciplina del servizio civile universale. Il provvedimento entrerà in vigore il successivo 3 luglio.
4) Dopo 16 anni dalla Legge 64 che istituiva il Servizio Civile Nazionale, Il 6 marzo 2017, con l'emanazione del Decreto legislativo n. 40, nasce il nuovo Servizio Civile Universale per dare la possibilità a tutti i giovani richiedenti di fare questa esperienza di cittadinanza attiva. Dall'analisi della normativa citata, anche il servizio civile nazionale svolto dopo il 2005 è su base volontaria e sembra avere tutti i requisiti del servizio civile universale (finalità, durata, enti riconosciuti etc.), perché non dovrebbe beneficiare della riserva 15%?

RISPOSTA

Perché coloro che hanno fatto il servizio civile nazionale su base volontaria, prima dell'istituzione del servizio civile universale, attualmente hanno un'età media più elevata rispetto a coloro che hanno fatto il servizio civile universale, e la Pubblica Amministrazione ha maggiore interesse ad assumere un trentenne che una volta formato lavorerà per la Pubblica Amministrazione per i prossimi 35 anni, rispetto ad un quarantenne, con una prospettiva di lavoro sensibilmente più breve. Sono valutazioni di opportunità di natura politica.
Si doveva tracciare una linea e si è deciso di tracciarla con l'istituzione del servizio civile universale.



Inoltre riporto di seguito una faq del MIM: D:Ho prestato servizio civile come alternativa alla leva obbligatoria. Posso farlo valere, ai fini del riconoscimento della riserva dei posti, come "Servizio civile universale"? R: No. Il servizio civile alternativo alla leva obbligatoria non è assimilabile al servizio civile universale, in quanto quest'ultimo – istituito e disciplinato dal Decreto legislativo 6 marzo 2017, n. 40 – ha carattere volontario.

RISPOSTA

Però in questo caso non c'è nulla di volontario …



Tale servizio potrà essere dichiarato nell'apposita sezione allegando l'attestazione scaricabile dal sito del Dipartimento delle politiche giovanili. Qualora non si sia in possesso dell'attestazione, si potrà allegare un'autocertificazione. Anche il servizio civile svolto da 2005 al 2017 non ha il carattere dell'obbligatorietà e sembra avere le stesse caratteristiche di quello svolto dopo il 2017 per questo non vedo perché non dovrebbe beneficiare della riserva dei posti. Avvocato Lei ritiene che sia equiparabile?
Grazie e mi scusi se ho dovuto dilungarmi ma la questione necessita di essere esplicata.

RISPOSTA

Perché la Pubblica Amministrazione ha interesse ad investire su coloro che sono più giovani, consapevole che il costo della formazione di un trentenne potrà essere ammortizzato nei successivi 35 anni, al contrario di quanto accade per un quarantenne che ha una speranza di lavoro di soli 25 anni.
Per carità, tutto questo in teoria ovviamente … ma la scelta politica del legislatore è insindacabile dal giudice amministrativo e, a mio parere, nemmeno la Corte Costituzionale censurerebbe come incostituzionale questa norma, per presunta violazione dell'articolo 3 della Costituzione (principio uguaglianza sostanziale).
A disposizione per chiarimenti.
Cordiali saluti.

Fonti: