Attività libero professionale da parte del medico con partita Iva, presso il suo studio





Sono un medico dipendente a tempo indeterminato in regime di extramoenia, possessore di partita iva.
Per motivi famigliari legati a condizioni di salute di mio suocero e di mia madre, devo richiedere un aspettativa non retribuita per 12 mesi ai sensi dell'articolo 10 del CCNL per la Dirigenza Medica del 10/02/2004, per poter garantire la mia presenza durante le ore dei pasti e il fine settimana (situazione non possibili con i turni ospedalieri che faccio).
Durante questo periodo posso effettuare attività libero professionale presso il mio studio ? Grazie mille

RISPOSTA

Sì, confermo: è consentito effettuare attività libero professionale da parte del medico con partita Iva, presso il suo studio, durante il periodo di aspettativa per motivi familiari e/o personali.
L'ordinamento giuridico non prevede un espresso divieto di prestare attività libero professionale, durante i periodi di aspettativa.
E' ovvio che se le ore occupate dall'attività libero professionale fossero eccessive, rendendo incompatibile il lavoro autonomo del medico con la stessa motivazione posta a fondamento della richiesta di aspettativa, potrebbe essere revocata l'aspettativa da parte dell'azienda sanitaria.

Mi spiego meglio: se il medico lavorasse presso il suo studio, dalle 9,00 del mattino alle 20,00 di sera, l'azienda revocherebbe l'aspettativa con la seguente motivazione: evidentemente le motivazioni legate all'assistenza del familiare non sono effettive!
Attenzione, perché sussisterebbe questo rischio in caso di attività professionale per un numero di ore tale da renderla incompatibile con l'assistenza nei confronti dei suddetti familiari.

A disposizione per chiarimenti.
Cordiali saluti.

Fonti: