Eliminazione palo rete telefonica per interramento cavi





Gentili Avvocati, illustro brevemente la situazione sulla quale vorrei un parere da parte vostra. A voce, in maniera informale, uno dei miei vicini di casa mi ha comunicato che vuole eliminare dal suo giardino un palo della rete telefonica, con conseguente interramento dei cavi. Ha continuato dicendo che, per effettuare questo lavoro, oltre a rimuovere un altro palo dello stesso genere che è nella mia proprietà da molti anni e che a me non dà alcun fastidio, sarebbe necessario effettuare degli scavi che dal giardino del suddetto vicino attraversino la strada comunale e superino la mia recinzione, allo scopo di agganciare i fili della rete telefonica sul muro esterno della mia abitazione. Non ho avuto comunicazioni ufficiali da parte della TIM, ma ieri ho ricevuto la visita di due tecnici, che avrebbero voluto procedere alla rimozione del palo situato nella mia proprietà, per dare subito inizio ai lavori. Tali intenzioni mi sono state comunicate oralmente, senza esibire alcun documento operativo da parte del gestore della rete telefonica, pertanto ho impedito l'ingresso nel mio giardino. Intendevo chiedervi:
1) essendo contraria, posso oppormi allo svolgimento dei lavori?
2) Nel caso in cui non fosse possibile impedire l'esecuzione dei lavori, che tipo di documentazione dovranno esibire i tecnici per lavorare nella mia proprietà?
3) Chi sarà responsabile per eventuali danni alla rete elettrica e/o a quella idrica, situate in prossimità del palo da rimuovere dal mio giardino, se verranno effettuati i lavori?
In attesa di un cortese riscontro, porgo distinti saluti.

RISPOSTA

1) Non puoi opporti, ai sensi dell'articolo 92 del decreto legislativo n. 259/03 (Codice delle comunicazioni elettroniche), norma che statuisce quanto segue: “1. Fuori dei casi previsti dall’articolo 91 (cavi che passano al di sopra degli edifici oppure ai lati degli stessi), le servitù occorrenti al passaggio con appoggio dei fili, cavi ed impianti connessi alle opere considerate dall’articolo 90, sul suolo, nel sottosuolo o sull’area soprastante, sono imposte, in mancanza del consenso del proprietario ed anche se costituite su beni demaniali, ai sensi del d.P.R. 8 giugno 2001, n. 327, e della legge 1° agosto 2002, n. 166”.
Attenzione, il passaggio nel sottosuolo dei cavi della telecom - TIM, può esserti imposto ai sensi della norma del codice delle comunicazioni elettroniche.

2) Tesserino di riconoscimento … tanto per cominciare …
Dovranno esibirti inoltre, la richiesta della TIM, corredata dal progetto della porzione di impianto sotterranea, nonché da un sintetico piano descrittivo dei luoghi.
In poche parole, devono esibirti il progetto definitivo del lavoro di interramento del cavo che si apprestano a realizzare. I fili possono essere agganciati al muro esterno del tuo edificio, ai sensi dell'articolo 91 commi 2, 3, 4 del decreto legislativo n. 259/03:
"2. Il proprietario od il condominio non può opporsi all’appoggio di antenne, di sostegni, nonché al passaggio di condutture, fili o qualsiasi altro impianto, nell’immobile di sua proprietà occorrente per soddisfare le richieste di utenza degli inquilini o dei condomini.
3. I fili, cavi ed ogni altra installazione debbono essere collocati in guisa da non impedire il libero uso della cosa secondo la sua destinazione.
4. Il proprietario è tenuto a sopportare il passaggio nell’immobile di sua proprietà del personale dell’esercente il servizio che dimostri la necessità di accedervi per l’installazione, riparazione e manutenzione degli impianti di cui sopra".


3) Il titolare della servitù di elettrodotto, ossia la TIM.
Certamente non sarai responsabile tu, che sei obbligata a sopportare l'onere di una servitù passiva imposta direttamente dalla legge, ossia dal codice delle telecomunicazioni.
Né tanto meno sarà responsabile il tuo vicino richiedente l'interramento.
La responsabilità ricadrà interamente sui tecnici della TIM “muniti di tesserino” (capisci l'importanza di verificare che abbiano un tesserino ed un incarico da parte della TIM ?).
A disposizione per chiarimenti.
Cordiali saluti.

Fonti: