Usufruttuario al 50% ha diritto di ottenere le chiavi dell'immobile anche se non residente





Io sono residente nel comune di R. e devo spostarmi nel comune di C. per motivi personali, dove ho il 100% della nuda proprietà e il 50% dell'usufrutto di un immobile dove mio padre ha solo il restante 50% dell'usufrutto.
Attualmente sono domiciliato presso mia madre, dove intenderei rimanere nonostante il cambio di residenza, poiché i rapporti con mio padre sono da anni compromessi.
Ho intenzione di chiedere a mio padre che mi venga corrisposto l'affitto o locazione per la parte del 50% di cui lui non avrebbe diritto di usufrutto in quanto l'immobile è anche di mia proprietà.

RISPOSTA

La tua richiesta, dal punto di vista giuridico, è assolutamente infondata.
Sei il nudo proprietario dell'appartamento; cosa significa nudo proprietario?
La nuda proprietà è un caso di proprietà privata alla quale non si accompagna un diritto reale di godimento del bene cui è relativa. Il nudo proprietario, come anticipato, acquisisce la proprietà dell'immobile ma non il diritto di poterne usufruire materialmente. Alla morte dell'usufruttuario, il nudo proprietario diventerà pieno proprietario dell'immobile.
Sei usufruttuario dell'immobile al 50% quindi puoi utilizzarlo esattamente come potrebbe utilizzarlo l'altro usufruttuario al 50%, ossia tuo padre.
Tuo padre non deve versarti alcun canone di locazione né tu devi versare un canone di locazione in favore di tuo padre.
L'articolo 1102 II comma del codice civile prevede che “ciascun partecipante può servirsi della cosa comune, purché non ne alteri la destinazione e non impedisca agli altri partecipanti di farne parimenti uso secondo il loro diritto. A tal fine può apportare a proprie spese le modificazioni necessarie per il miglior godimento della cosa”.
Siccome il diritto di usufrutto è in comunione al 50%, entrambi gli usufruttuari potranno godere dell'immobile.



(Donazione luglio 2017 in seguito al divorzio dei miei genitori; mia residenza fino ad novembre 2017)

RISPOSTA

Essere nudo proprietario non ti consente di godere maggiormente dell'immobile rispetto a tuo padre. La nuda proprietà non ha nulla a che vedere con il godimento dell'immobile.
La residenza anagrafica è irrilevante ai fini del godimento dell'immobile.



Considerato che con il cambio di residenza, in quanto parente, entrerei a far parte dello stato di famiglia di mio padre, nell'attesa di fare la richiesta sopracitata: - é nei miei diritti richiedere l'affitto o locazione vista la situazione sopra descritta?

RISPOSTA

Assolutamente no!
Sei usufruttuario al 50% esattamente come tuo padre!
Essere nudo proprietario non ha nulla a che vedere con il godimento dell'immobile.



Nel caso io ne abbia diritto, incide il fatto che io risieda presso l'immobile in questione o meno?

RISPOSTA

La residenza anagrafica non ha alcuna rilevanza ai fini della presente consulenza.



Sarebbe meglio portare la residenza a casa di mia madre (dove sono domiciliato ad oggi)?

RISPOSTA

E' assolutamente irrilevante



Qual è la modalità migliore e più corretta per inoltrare la richiesta a mio padre? In attesa di riscontro, saluti.

RISPOSTA

La richiesta di canone di locazione non può essere inoltrata.
Ai sensi dell'articolo 1102 del codice civile II comma del codice civile, i due usufruttuari hanno diritto di utilizzare l'immobile nello stesso modo.
In concreto, hai diritto di avere una copia dell'immobile in questione, per utilizzarlo secondo le tue necessità.
Tuo padre è tenuto a consegnarti copia delle chiavi dell'immobile, in quanto sei usufruttuario al 50% anche tu!
Un usufruttuario al 50% non può essere anche inquilino – conduttore …
Se non dovessi essere stato chiaro, resto a disposizione per tutti i chiarimenti del caso.
Cordiali saluti.

Fonti: