Delimitare la proprietà, differenza tra luci e vedute





Ho acquistato recentemente una porzione di bifamiliare, le divisioni perimetrali delle porzioni sono in via di definizione perché quelle esplicate dai vecchi proprietari non erano proprio precise... Quello che per me per ora però è il problema più grande è questo che vi sto a spiegare: i miei vicini hanno due finestre che si affacciano a piano terra sulla pavimentazione esterna di mia proprietà, c'è un modo per poter chiudere la zona?
Non pretendo la chiusura delle due finestre ma comunque delimitare lo spazio davanti a queste per proteggere la mia privacy, se serve ho anche delle foto.

 

RISPOSTA

 

Penso che sarebbe opportuno visionare le foto.
Si tratta di luci oppure di vedute?

Ai sensi dell'articolo 900 del codice civile, le finestre sono di due specie: luci, quando danno passaggio alla luce e all'aria, ma non permettono di affacciarsi sul fondo del vicino; vedute o prospetti, quando permettono di affacciarsi e di guardare di fronte, obliquamente o lateralmente.

Le luci che si aprono sul fondo del vicino devono avere le caratteristiche di cui all'articolo 901 del codice civile:

1) essere munite di un'inferriata idonea a garantire la sicurezza del vicino e di una grata fissa in metallo le cui maglie non siano maggiori di tre centimetri quadrati;
2) avere il lato inferiore a un'altezza non minore di due metri e mezzo dal pavimento o dal suolo del luogo al quale si vuole dare luce e aria, se esse sono al piano terreno, e non minore di due metri se sono ai piani superiori;
3) avere il lato inferiore a un'altezza non minore di due metri e mezzo dal suolo del fondo vicino, a meno che si tratti di locale che sia in tutto o in parte a livello inferiore al suolo del vicino e la condizione dei luoghi non consenta di osservare l'altezza stessa.

Quali sono le caratteristiche delle vedute?
Ai sensi dell'articolo 905 del codice civile, non si possono aprire vedute dirette verso il fondo chiuso o non chiuso e neppure sopra il tetto del vicino, se tra il fondo di questo e la faccia esteriore del muro in cui si aprono le vedute dirette non vi è la distanza di un metro e mezzo.

Attenzione alla distanza di rispetto pari ad un metro e mezzo dalla veduta al fondo del vicino. Il divieto cessa allorquando tra i due fondi vicini vi è una via pubblica.

Si tratta forse di una veduta laterale oppure obliqua?
Ai sensi dell'articolo 906 del codice civile, non si possono aprire vedute laterali od oblique sul fondo del vicino se non si osserva la distanza di settantacinque centimetri, la quale deve misurarsi dal più vicino lato della finestra o dal più vicino sporto.

Come risolvere la situazione? Piantando delle siepi dinanzi alle vedute, ovviamente a distanza legale di rispetto, oppure posizionando dei vasi contenenti appunto le siepi.
Ai sensi dell'articolo 892 I comma numero 3 del codice civile, le siepi devono essere piantate ad almeno mezzo metro dal confine.
Un modo economico e pacifico per evitare il contenzioso salvaguardando la tua privacy!

A disposizione per chiarimenti.
Resto in attese delle fotografie.
Cordiali saluti.

Fonti: